Pesaro

La città, fondata dai romani nel 184 a. C. col nome di Pisaurum, era un fiorente comune già nella prima metà del secolo XII. A lungo ghibellina, poi guelfa dal 1266, Pesaro entrò di lì a poco nell’orbita di edivsione dei Malatesta, che vi dominarono fino alla metà del Quattrocento, quando la città fu venduta per danaro ad Alessandro Sforza. 

Ma è sotto il principato dei Della Rovere, dal 1512, che essa raggiunse il suo massimo splendore nel campo della cultura e dell’arte. Testimonianze preziose dei periodi medievale rinascimentale e barocco sono oggi visibili nei musei e nelle architetture civili e religiose del nucleo storico.